BBQ estivo

La Fiorentina: la grigliata per eccellenza

La Fiorentina è la bistecca con l’osso che al solo pensiero riporta alla memoria un barbecue profumato, le verdure in pinzimonio e fiumi di birra, o vino rosso.


Carne italiana 100%: scegli che ti passa

Organizzare una grigliata è un affaire complicato. Gli amici non mancano mai, l’alcool nemmeno, ciò che di solito è difficile da scegliere con la giusta dose è la carne da grigliare.

La carne dev’essere:

  • buona da far paura
  • marinata alla perfezione
  • presente in quantità
  • cotta alla perfezione

Ora, grigliatori professionisti non si nasce ma lo si può diventare. Allo stesso tempo, la pratica permette di evolversi in perfetti selezionatori di carne ideale per il barbecue piuttosto che tagli di carne bovina italiana adatti per la costata di tutti i giorni. Per una grigliata che si rispetti serve portare in tavola un qualcosa di speciale, particolare e spettacolare: la bistecca Fiorentina, ad esempio. Insomma, la scelta di cosa mettere sulla griglia è importante, ma di base serve rivolgersi alle macellerie online che possono garantire una qualità eccellente di carne e la provenienza certa.

La grigliata d’estate. Parti con il botto!

La carne di manzo da fare alla brace si divide in due categorie: quella buona e quella no. Alcuni tagli di carne bovina infatti, si prestano alla perfezione per una cottura con il barbecue offrendo in cambio un’affumicatura perfetta e un sapore sublime. Altri parti dell’animale invece, sono più adatte a cotture con il fuco lento e con molta acqua, come per esempio l’arrosto Asado o l’arrotolato. L’estate però, fa rima con grigliata in giardino, o in cascina o sotto il porticato.

Insomma, non importa il luogo in cui si accende il fuoco, ciò che assume importanza è la carne per grigliate da ricordare! La Fiorentina e la fiorentina Porterhouse, sono le regine indiscusse per un mastro grigliatore che si rispetti dev’essere presente per forza di cose. Ma come si cuoce la Fiorentina? Ecco alcune semplici regole carpiti a chi ha fatto della cottura della carne per barbecue una motivazione di lavoro!

Carne di manzo da fare alla brace: la temperatura

La prima regola da tenere in considerazione quando si prepara tutto l’occorrente per la grigliata è la temperatura della carne e il rispetto di una determinata procedura. La carne marinata dev’essere messa sul fuoco a temperatura ambiente, sempre! Toglierla dal frigo e adagiare la Fiorentina ancora fredda sul fuoco significa perdere almeno il 30% del suo potenziale di sapore e gusto.

Carne italiana bovina: lo step intermedio

La crosticina tipica della carne alla brace inizia a formarsi quando la carne viene posta sul fuoco, per far sì che non si creino intoppo per via dell’umidità serve tamponare leggermente con un panno asciutto il taglio di carne. La reazione di Maillard, che permette il crearsi della crosticina, è dato da una serie di fattori tra cui la temperatura interna della carne e una marinatura perfetta, magari ottenuta da RUB d’eccellenza.

Carne per grigliate: quando la morbidezza ha il suo perché

L’attimo prima di mettere la Fiorentina sul fuoco serve fare un piccolo passaggio. Utilizzando i polpastrelli, spalmate un po’ di olio extravergine d’oliva, subito dopo averla tamponata con un panno. In questo modo si incrementerà il sapore della carne e la creazione della crosticina croccante e saporita.

Carne di manzo Kobe e il sale Maldon

La Fiorentina è il taglio di carne che meglio si presta ad una grigliata. La carne marezzata alla perfezione è - solo per i più esperti - la più alta dimostrazione di quanto un pezzo di carne possa diventare sublime. L’aggiunta del sale per insaporire o definire il complesso sapore di un particolare taglio di carne bovina è il tocco da maestro. Attenzione a scegliere un sale adatto come il sale Maldon che permette una presenza scenica di tutto rispetto e non interferisce eccessivamente sul gusto nel suo insieme.

Fiorentina: la temperatura di cottura

La temperatura è il tallone d’Achille per tutti i mastri grigliatori perchè il più piccolo errore potrebbe compromettere l’intera portata. Ecco perchè tutti possono grigliare, ma pochi si definiscono maestri. Se si sceglie un taglio di carne come la Fiorentina o una T-bone ricordate di considerare anche il laterale, la cottura dovrà essere: 8 minuti per lato e 4 minuti per il fianco. Per la temperatura dipende da come si preferisce mangiare la Fiorentina: al sangue 55 gradi, cottura media 65, per una cottura abbondante 75 gradi.

Carne per barbecue: gli attrezzi del mestiere

Le pinze sono strumenti che i mastri grigliatori hanno nel proprio kit di emergenza. L’attrezzo è fondamentale per muovere la carne di manzo da fare alla brace prima durante e dopo la cottura. L’utilità degli attrezzi è data dalla capacità di non bucare la carne e non disperdere i succhi contenuti all’interno parte integrante del sapore.

Carne per barbecue: il recap

Quindi, per cuocere alla perfezione la carne bovina 100% italiana sulla brace serve seguire facili regole che iniziano con il prestare attenzione al taglio prescelto e si indirizzano verso il metodo di cottura:

  • Temperatura ambiente per evitare shock termici.
  • La reazione di Maillard e la fantastica e gustosa crosticina è frutto di un piccolo grande segreto.
  • L’olio d’oliva per i meno esperti diventa una sorta di garanzia per chi vuole una fiorentina croccante fuori e morbida all’interno.
  • Il sale alla fine. Da scegliere con cura e attenzione.
  • Il termometro è lo strumento che si muove di pari passo con la carne per grigliate, scegli la cottura e monitora il risultato.
  • Le pinze sono un toccasana per evitare di disperdere i succhi della carne e portare in tavola la carne per grigliate perfetta!

Segui i consigli. Scegli carne sana e Genuina e sperimenta con la BBQ Box, oppure lanciati verso tagli singoli come la Fiorentina, la Porterhouse e la T-bone e stupisci tutti!